Rhapsodoi Ita

Che cos’è l’etimologia

L’etimologia di una data parola, non è altro che la sua origine antica, la storia dal suo inizio e la sua evoluzione fino alla forma attuale della parola che stiamo usando. La convenzione ci dice che la radice delle parole della nostra lingua è da cercarsi nelle lingue considerate classiche o antiche: greco, latino. Ci sono studi che però datano le parole attuali ancora più indietro nel tempo (filologia), infatti moltissime parole possono essere fatte risalire a lingue antiche come il sanscrito, la antica lingua parlata in Egitto o a quella parlata dai Babilonesi.

Se si parla di parole che definiscono città e luoghi spesso i filologi con i loro studi possono far risalire la parola anche a periodi remoti fino ad origini indoeuropee e anche a epoche preindoeuropee.

Qual’è l’obiettivo che si prefigge l’etimologia? Semplicemente riuscire a far comprendere il significato più profondo di una parola, tutte le sue connotazioni differenti, come viene e veniva utilizzata spiegando come si è evoluta attraverso il tempo e la storia con gli usi e i costumi dei vari popoli e dei vari periodi.

Normalmente l’etimologia di un termine dovrebbe riportare queste informazioni:

-La fonte primigenia della parola stessa quindi la prima volta che si è utilizzata, la data rintracciabile del suo uso antico

-Le differenti tappe formative, tutte le date, le differenti forme intermedie, quale sia l’origine della parole (greco antico, latino o altre lingue), le variazioni del suo significato e la sua evoluzione, variazioni dell’articolazione del termine, ecc.

-Aneddoti, osservazioni e precisazioni storiche che aiutino a comprendere la storia del termine.

Se si parla di etimologia di una locuzione invece si necessita sapere il senso preciso e l’utilizzo della locuzione. L’etimologia aiuta a comprendere le piccole sottigliezze e i vari utilizzi che sono stati fatti di questa parola attraverso il tempo. Se il senso di una particolare locuzione è troppo ambiguo, la descrizione etimologica dovrebbe aiutare a comprendere l’utilizzo corretto, ovviamente tutto questo va fatto seguendo fonti e date precise.